Dichiarazione di assenza. Cos’è?

Dichiarazione di assenza. Cos’è?

Cosa succede se una persona scompare dal luogo del suo ultimo domicilio o residenza, e non se ne hanno più notizie?

Se una persona scompare dal luogo del suo ultimo domicilio o residenza, e non se ne hanno più notizie, la legge disciplina tre situazioni.

  • scomparsa
  • assenza
  • morte presunta

In caso di scomparsa, il tribunale può subito nominare un curatore. (Tutto questo, salvo che la persona scomparsa non avesse già un legale rappresentante o un procuratore.)

Lo può fare su domanda degli interessati, dei presunti successori legittimi o del pubblico ministero.

Il curatore rappresenterà la persona scomparsa in giudizio, nella formazione degli inventari e dei conti, nelle liquidazioni o divisioni.

La dichiarazione di assenza può poi essere richiesta a due condizioni:

  1. la persona deve essere scomparsa dal suo ultimo domicilio o dalla su residenza
  2. non ci deve essere nessuna sua notizia per due anni

La possono richiedere (indipendentemente dalla preventiva nomina del curatore dello scomparso)

  1. i presunti successori legittimi
  2. chiunque ragionevolmente creda di avere sui beni dello scomparso diritti dipendenti dalla morte di lui

La dichiarazione di assenza comporta l’apertura del testamento dello scomparso.

Per dirlo in termini tecnici:

La dichiarazione di assenza è pronunciata con sentenza. Dopo il passaggio in giudicato della sentenza, il tribunale ordinerà l’apertura degli atti di ultima volontà dell’assente su istanza di chiunque vi abbia interesse o del pubblico ministero

 

Come intendiamo il lavoro del notaio? Aiutarvi a chiarire le idee e a scegliere per il meglio.
Per questo, consulenze e risposte non costano nulla.

Chiamateci (+39 02 55017906 o su Skype). Oppure scriveteci un'email, così vi richiamiamo noi.

E se avete un dubbio e la nostra risposta può essere d'aiuto anche ad altri, lasciate una domanda qui, o su Facebook.

Lascia un commento

*

Cosa vuoi cercare?

Guarda tutti i risultati